Visioni Caotiche

SPARI DI LUCE – PARTE SECONDA: VISIONI CAOTICHE

 

CANTO IV

MANIGLIE D’OTTONEFREDDO

 

Corridoio                                                     IO

Desolazione                                                          Cieco

Bendato da

Un drappo viola

Occhi cavi

Aperti / chiusi

Avanzare tentoni

Attutire                                                                      nessun

Il rumore dei passi                                           colore

Su un                                                               per chi è

Tappeto                                                                    nato

Color cielo                                                  cieco

NON POTER VEDERE

NON POTER SAPERE

PERDERSI

Ogni porta                                                  Vita

Ha un colore                                                          Dolore

E un nome                                                   Felicità

Depressione

Pace

Morte

Amore

Egoismo

Toccare le grandi

Maniglie d’ottone freddo

(con le dita, passando)

COME POTER SCEGLIERE?

QUALE APRIRE?

A Cosa Vado Incontro?                                   (Codardia)

Immagini nel mondo

Del buio

Del concetto astratto

Senza volto

Incessante ticchettare

Il pendolo suonerà la tua (la mia?)

Ora

Ora basta – state zitti

Sapienti!

Bianche barbe & rossi turbanti

Falsi profeti m’accompagnano

Reggendosi a vecchi bastoni

Sussurrando,

sussurrando

Consigli                                                                               Oracoli

Di un falso dio

maestri della confusione

indicano strade senza entrata

(sono solo chiaroveggenti fuorviati)

Che fine ha fatto

Il vero DIO?

A sentirli salmodiare

Il velo cade

Si può vedere (!!!)

 

Ho visto                                             i loro volti tutti uguali

Ho visto                                             il corridoio pieno di spifferi di

Una vecchia, placida

Casa di campagna

 

Diradare i fumi della paura

Ridere

La scossa come di terremoto

Libero

Libero ancora

Mi sono ritrovato

Altrove

 

CANTO V

00:55

Sentirsi come la

Duna soffiata dal vento

In mezzo al

Deserto

Spostarsi cambiare forma

(eppure restare me stesso)

Essere pagliuzze d’oro

Nascoste nella

Sabbia

(dare un senso al tutto)

ma

Esiste anche il

Vano soffio del

Vento di febbraio

ESSERE TUTTO

ESSERE NULLA

OGNI GIORNO DIVERSO

UN’ALTRA PERSONA AD OGNI RISVEGLIO

Domani, lo sguardo fisso al domani

Il passato

Seppellito                                                      Dietro le mie spalle

 

 

CANTO VI

1:07

 

L’un senza l’altro

Privazione & rimorso

L’altro dell’uno privo

Incompletezza & catastrofe

Come in uno specchio

Oscuramente

Confusamente

Tutto così sfocato

Soffocato

 

Riprendersi dall’incubo tossendo

 

CANTO VII

L’ESSENZA DEL CAOS

Lentezza esasperante lentezza

Scorrere d’inchiostro su un foglio

Guidato da mano

Malferma

Un

Deng                               Ritmato

Suono

Deng                               metallico

Stridente

Deng

 

Accompagna un respiro ansante (asmatico?)

Al di là

Verso orizzonti nuovi

Mai immaginati

 

VOGLIO STARE CON CHI VOGLIO STARE

Senza perdere tempo

Tutto il resto è caos

(niente pace – niente tranquillità

Ma anche progresso?

Ogni singolo istante

Di vita che sfugge)

VOGLIO STARE CON CHI VOGLIO STARE (?)

Non lo so

Quindi

Il Caos abbracciare

Temporanea unione (scegliere il male minore

Attendere)

 

L’essenza del caos

È impenetrabile

 

 

CANTO SENZA NUMERO

INGHIOTTITO DAL CIELO

La vertigine palpabile

Del più alto palazzo

L’inconscio desiderio

Bisogno

Di cadere

RISCHIARE

PER SAPERE

Spinto da una

Forza estranea

(proviene da fuori)

(…non credevo di possedere…)

 

Mi lancio

Nel vuoto del

Cielo

Bagliore del sole

Grigio di nube

Sento l’aria

Fendere il corpo

Attratto dalla gravità

Verso il suolo

Giù

            Sempre

                        Più

                                   Giù

Saltare senza

Paracadute

(…dura conclusione…)

Invece no

Non scendo

Sto salendo

(… caduto nel cielo …)

Trascinato sempre

Più verso

Su

Perché?

Tutto il mondo

La gente che amo

Allontanarsi

Vertigine

Ho perso –

Il mio luogo

Laggiù

Li vedo

Gli ultimi da vedere

Scrutare attraverso

Finestre in grigio

Grattacieli

Il mio popolo

La razza / specie     umana

Ultimi ricordi

Frammenti quotidiani

 

Nessuno spettacolo

Estrema delusione

Scorgerli ora

In un brulicare

Di nere formiche

 

E intorno

Lontano

Il blu del mare

Il verde delle ultime

Foreste

(…addio…)

 

In caduta libera

Tra gli strati atmosferici

-cadere all’inverso

-all’inverso vedere

Tutto / Tutta

La Paura

Data

Dalla Velocità

(… attraversamento

d’una vuota sfera…)

la paura del

vuoto assoluto

dello spazio

(…senz’aria…)

Disintegrazione del

Corpo

In

Polvere

Qualcun altro “salì al

Cielo”…

(…un certo “Re dei

Giudei…?)

Se

Veramente

Lo trovo

Avrà

Un bel po’

Di cose

Da spiegarmi…

Altrimenti

La cenere

La polvere

La morte                               dell’anima

Niente di preoccupante

La mia anima                      è già morta tante volte

Sempre poi

Rinata

Nell’afflitto corpo

Lassù

Sulla terra

Tante altre                            volte ancora

Dovrà

Morire

 

 

CANTO SENZA NUMERO

LO SCRUTARE DELLE MANI DEL FLAGELLANTE

 

Camminare verso

La catarsi

                                   (…bravo…)

            (hai scelto la

            Cosa giusta…)

Occhi

Sulle mie mani

Vista

Non imperfetta

Non offuscata

(…decisamente migliore)

Il tatto

Il senso

Intero

                                                                                                          …è magnetismo

                                                                                                          Sono corpi

                                                                                  È il suo corpo

                                                           Sono le mie mani

                                                                                                          Vedono

                                                                                              Parlano

E sono state loro

A legarmi

-catene di passione

(…allentate poi al

Momento

Della disillusione…)

Occhi

Trafitti

Da grandi chiodi

Pagani

(una… crocifissione?)

Per non salvare nessuno

                                                                                                                      Tutto questo

                                                                                                          Per lei

È consapevolezza

“Colpa mia?”

Occhi che piangono

Sangue

                                                                                              Non ho perso

                                                                                              Nulla

                                                                                              Eppure

                                                                                              Mi dispiace

Per questo piangere

Durante il cammino

Con due

Paia

D’occhi

 

EYE3

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...